venerdì 31 agosto 2007

Lo sport in ufficio

Nello sport , quello vero, gareggia e vince sempre il migliore. Nello sport, quello vero, c'è la sportività chi perde riconosce la sconfitta, chi vince valorizza lo sconfitto. Questo si chiama sport. Nel lavoro, in ufficio non c'è sport. Non si può giocare sportivamente. Nell'ufficio non conta l'esperienza , il valore,l'onestà... contano soltanto gli sponsor e il saper "gareggiare". In ufficio lo sport e la relativa sportività sono messi da parte. Chi vorrebbe e sa giocare onestamente si siede comodamente in panchina e si fuma una sigaretta, dopotutto fanno parte di una squadra. Quando i titolari , sopravvalutati e pieni di medaglie dimostrano nel campo la loro scarsa preparazione, viene sempre chiamato qualcuno dalla panchina che risolva il match. Ovviamente resterà sempre un panchinaro, magari prenderà anche una medaglia, ma questa sarà considerata come merito della squadra e dell'allenatore. Quindi, se si è panchinari, consiglio di restare li, in panchina, guardando il decadente spettacolo.

3 consigli di Viaggio

Mentre il mio viaggio è stato rimandato a data ignota, desidero dare dei consigli....qui di seguito i primi 3
1) Una cosa importante è la scelta del bagaglio, il trolley è indicato quando si viaggia in auto, oppure si fa aereo/hotel...per tutti gli altri tipi di viaggi è consigliabile lo zaino.
2) In qualsiasi viaggio ci sono dei "tempi morti", è molto importante prevederli e organizzarli per fare qualcosa di interessante.
3) Il viaggio è una scoperta, la scoperta può non essere come quella preventivata quindi bisogna sempre prevedere una efficace alternativa.

giovedì 30 agosto 2007

Campionati italiani di vela Pescara 2007, dal campo di regata

Giovedì 30 agosto ore 10,00 mi trovo con un amico a bordo dell'imbarcazione "Santa Rosa", un 15 metri a motore barca dislocante e pesante, che proprio per le sue caratteristiche marinare è stata scelta come barca giuria. Saluto l'armatore Lorello, un amico che mi ha gentilmente invitato, e poco dopo arriva il presidente di giuria, un tipo in gamba che di barche, di mare e di vento dimostrerà a breve di averne da vendere, e poco dopo arriva lo staff del comitato regata.

Ore 10,30 Il "Santa Rosa" molla gli ormeggi e usciamo dal Marina consapevoli che la giornata non promette niente di buono; soffia un garbino bollente e rafficoso, c'è una cappa di umidità che rende l'aria insopportabile, un onda lunga notevole da levante e nel cielo vi è di tutto, nuvole lenticolari, stratocumoli, cirri insomma capiamo subito che oggi la brezza termica non ci sarà.
Ore 11,15 caliamo l'ancora a 2,5 miglia al largo di Francavilla (zona alento) e alle 12,00 finalmente si alza l'intellingenza per l'inizio delle procedure di partenza; ma il garbino, e chi va per mare lo sa benissimo, è un vento infido imprevedibile che gioca un tira e molla sia in intensità che in direzione rendendo complicato il lavoro del comitato regata e infatti poco dopo la procedura viene annullata e rinviata.
Ne approfittiamo per mangiare qualcosa a bordo, e con vero piacere noto che viene servita un'ottima caprese occompagnata da un fiadone e del buon vino, poi per concludere un cocomero bello fresco.

Ore 14,10 si ricomincia e questa volta la procedura non viene annullata, e alla partenza c'è un vento da sud/sudovest di circa 18/20 nodi con raffiche, le barche si allineano tra la nostra barca e la boa di partenza ed è un vero spettacolo vedere la tensione e la concentrazione dei regatanti in condizioni davvero difficili. Le barche volano velocissime di bolina, e poco dopo il vento miete le prime vittime al giro di boa e soprattutto successivamente al cancello di poppa dove alcune imbarcazioni si ritrovano con lo spinn incaramellato e bloccato sullo strallo. Nel frattempo il vento è aumentato di intensità e la prova termina in un tempo quasi record con soli circa 40 minuti. Noto con piacere che la barca pescarese My Way dell'armatore Arlini è arrivata seconda.

Ore 16,00 ci si prepara per la seconda prova, il vento è calato ma il caldo è insopportabile, presso la nostra barca passono molte imbarcazioni chiedendo disperatamente bottiglie d'acqua da bere che noi prontamente elargiamo. Il vento sempre infido improvvisamente crolla, resta l'onda lunga e fastidiosa e così il presidente di guria dopo una riflessione di alcuni minuti, giustamente decide per il rientro.

Una lunga giornata trascorsa in mare tra barche bellissime armate fino ai denti per una sfida velica avvincente, barche che tentano di "domare la natura" chiaramente entro certi limiti, una bella sperienza da ripetere.

Meteo ignorante

Non sono un meteorologo. Ma fa un caldo a mio parere anomalo. Internet riporta 44°C e percepita 51°C! Credo che le cose non vanno, aldilà delle correnti delle azzorre,delle alte pressioni e di quelle basse, le cose non vanno. Mentre al nord Italia ci sono temporali anche violenti qui sembra un grande deserto, faccio fatica a respirare e non sento l'aria. Come sarà l'estate del 2017? Io credo, con la mia grande ignoranza in materia, che il deserto dall'Africa si sposterà verso nord. Sono sicuro che anche quest'inverno sarà mite come lo è stato quest'anno, come scrissi l'anno scorso in un post. Mi fa tanto male sentire la gente dire che l'inverno mite è bello, che si risparmia il gas per il riscaldamento, che si può uscire tranquillamente, che non ha bisogno di comperare cappotti pesanti. Io, sinceramente sono già attrezzato, dalla Tunisia riportai un copricapo arabo.

Forse non tutti sanno che......


Girando per blog ho letto questa cosa che mi è parsa interessante !!!!!!!
Forse non tutti sanno che:
- E' impossibile leccarsi il gomito - Un coccodrillo non può tirare fuori la lingua - Il cuore di un gamberetto è nella testa - gli elefanti sono gli unici animali che non possono saltare - In uno studio effettuato su circa 200.000 struzzi, durato più di 80 anni, non si è mai visto uno struzzo mettere la testa nella sabbia. - American Airlines ha risparmiato US$ 40.000 nel 987 eliminando una oliva per ogni insalata che serviva in prima classe - se una statua nel parco di una persona a cavallo ha due piedi per aria, la persona è morta in combattimento, se il cavallo ha una delle zampe anteriori alzate, la persona è morta ferita in combattimento, se il cavallo ha le quattro zampe per terra, la persona è morta per cause naturali. - secondo la legge, nelle strade parastatali degli Stati Uniti un miglio su cinque deve essere diritto. Questi tratti sono utili come piste di atterraggio in casi di emergenza e di guerra. - I porci non possono fisicamente guardare il cielo - Piu del 50% delle persone, in tutto il mondo, non hanno mai fatto o ricevuto telefonate. - I ratti e i cavalli non possono vomitare - il gracchiare di un'anatra (Quac, quac) non fa eco e nessuno sa perchè. - è impossibile starnutire con gli occhi aperti - Se starnutite troppo forte, potreste rompervi una costola - Se tentate di trattenere uno starnuto, potrete causarvi la rottura di una vena nel cervello o nella nuca, e potreste morire - Se, contro natura, tenete gli occhi aperti mentre startunite, potrebbero uscirvi dalle orbite. - I ratti si moltiplicano così rapidamente che, in soli 18 mesi, una coppia può avere più di 1 milione di discendenti - L'accendino è stato inventato prima dei fiammiferi - Miguel de Cervantes Saavedra e William Shakespeare sono considerati i più grandi esponenti della letteratura spagnola e inglese rispettivamente. Entrambi sono morti il 23 aprile 1616... - l'uomo ci ha messo 22 secoli per calcolare la distanza tra la Terra e il Sole (149.400.000 Km.). Lo avremmo saputo molto prima se a qualcuno fosse venuto in mente di moltiplicare per 1.000.000.000 l'altezza della piramide di Cheope a Giza, costruita 30 secoli prima di Cristo - Il 35% delle persone che usano annunci personali nei giornali, per trovare un compagno o compagna, sono sposati. - La maggior parte dei rossetti contiene delle lische di pesce - Come le impronte digitali, l'impronta della lingua è diversa per ogni uomo.

mercoledì 29 agosto 2007

Meteo settembre, l'estate tiene ma arriva il fresco dell'atlantico

Il mese di agosto sta terminando i suoi giorni con un clima ancora tipicamente estivo al centro sud, mentre al nord, un flusso umido e instabile causerà, nella giornata di domani giovedì 30 ed in quella di venerdi 31 , delle precipitazioni che localmente potranno essere anche di forte intensità (probabile anche qualche fenomeno meno intenso sulle centrali adriatiche) .

Dal primo di settembre la pressione atmosferica tornerà a risalire ed a far tornare la stabilità sulla nostra penisola; però saranno convogliate correnti fresche nordoccidentali provenienti dall'atlantico, per cui le temperature saranno decisamente piu gradevoli e persino fresche al mattino. Saranno probabili locali e deboli precipitazioni sulle zone montuose ma di scarsa rilevanza.

Da evidenziare un paio di aspetti, la siccità al centro sud comincia a farsi preoccupante anche perchè la fase asciutta continuerà per i prossimi giorni, e nel nord Europa la depressione polare comincia a farsi notare, segno che l'equinozio d'autunno è ormai alla porte.
Dunque amici sbloggati, per concludere settembre inizierà con belle giornate e temperature gradevoli ( fresco di notte ed al mattino) almeno fino al 6 settembre, poi è d'obbligo fermarsi poichè l'attività della depressione polare potrebbe riservare delle sorprese con un cambio netto della circolazione atmosferica, ma come sempre saremo qui pronti ad aggiornarvi.

Il giornalista sciacallo

Non potevo non scrivere questo altro post. Osaka 2007 gare di atletica, la ragazza in questione ha un forte dolore alla gamba e cade sopra ad uno sciacallo. Incurante del dolore e delle urla dell'atleta lo sciacallo continua a fare le foto. Ecco il giornalismo sciacallo. Leggereste mai un articolo di uno sciacallo?

Taverna infernale

Come si può trasformare una serata tranquilla e spensierata in una notte perlomeno agitata? Come si può trasformare un paradiso in un inferno? Andare al ristorante, sedersi e aspettare ore e ore per essere serviti... è quello che è successo ieri a me e ad epursimuove.
Entrati alle 20:30....pane senza niente altro alle 21:20... affettati verso le 22:30... e arrosticini verso le 23:00. Locale pieno? No!
Era un bel posto, anche se caro si mangiava bene, ora invece è out, cancellata da un comportamento scorretto verso i clienti. Non ha perso solo 2 clienti, ma molti di più... si sa che i ristoranti sono tanti in Italia , il successo è decretato anche dal passaparola. Purtroppo nel caso della taverna il nostro passaparola non sarà positivo. Addio taverna.

martedì 28 agosto 2007

Campionato italiano di vela d'altura, al Marina di Pescara c'è "la movida da regata"

Martedì 28 agosto ore 09.00 sulle banchine e sui pontili del marina, per chi come me vive quotidianamente il porto, nota una frenetica ma silenziosa attività fuori dall'ordinario, fatta di persone che lavorano minuziosamente sull'armamento delle imbarcazioni, vele distese in banchina, tangoni controllati con cura, chi sale in testa d'albero a controllare la drizza, sacchi pieni di vele da imbarcare. Insomma ci si prepara alla sfida accuratamente, controllando le imbarcazione senza tralasciare alcun dettaglio.

In porto vi sono oltre 50 imbarcazioni ospiti provenienti da tutti i mari della nostra penisola, e vi sono anche alcuni equipaggi stranieri.
Per chi ama la vela vi sono delle gran belle barche armate con alberi al carbonio e vele di altissima tecnologia, un vero spettacolo vederle mollare gli ormeggi, alzare le vele e provare le attrezzature.

Dunque amici sbloggati oggi si parte, inizia la sfida velica che ci accompagnerà fino a sabato 01 settembre e noi saremo qui a seguirla con entusiasmo e a tifare per le imbarcazioni pescaresi che dovranno vedersela con barche ed equipaggi di livello assoluto; ieri nella cerimonia di apertura una piccola soddisfazione per il sottoscritto e per il nostro blog nel notare sulla bacheca del club nautico un nostro post in mezzo ad articoli dei quotidiani nazionali e locali.

Ore 16.35 dopo una splendida giornata, ideale per la vela con una brezza di 10/12 nodi, le barche rientrano in porto ed è un vero spettacolo da vedere. Oggi a circa due miglia al largo del marina si sono disputate regolarmente due prove combattute ed avvincenti con un vento "perfetto" che ha reso la regata avvincente.
Appuntamento a domani per la prossima prova, noi saremo qui a raccontare un'altra giornata di vela e a dare i primi risultati parziali.



La giornalista

Anna Politkovskaya, una vera giornalista. Ieri sono stati arrestati in Russia chi si presume sia stato a non farla scrivere più. Molto strana la vicenda, ci sono molte cose che non tornano in questa storia. Ho "conosciuto" Anna solo quando ha smesso di scrivere...purtroppo. Credo che la verità assoluta sulla sua scomparsa possa cercarla, se esiste, solo una sua erede. E se questa persona non dovesse esistere, accontentiamoci degli articoli dei giornalisti che abbiamo, e fra la notizia di un politico che litiga con la moglie e quella di un giocatore stitico qualcosa ci si potrà trovare: Il nulla!

lunedì 27 agosto 2007

Senza tecnologia...si perde?


Lunedì 6 Agosto 2007
come d’incanto la sveglia non trilla…….è il primo giorno di ferie!!!!! Sono contento, mi permetto il lusso della colazione, poi, esco per andare alla segreteria organizzativa del Festival. Tutto fila tranquillo fino a quando……… un amico mi chiede: Perché non rispondi al cellulare? Metto le mani in tasca e……non lo trovo. Non nascondo che per un attimo ho avuto il panico poi però……..mi sono detto ok sarà a casa. Dopo un po’ torno a casa e……non lo trovo!!!! Come fai per i numeri memorizzati? Non nascondo che qualche pensiero l’avevo ma…. La mia sapiente moglie mi rassicura dicendomi: non preoccuparti chi vuol trovarti ti ritrova!!!! La sera decido di accendere il PC di casa, dopo un’ora……….crash !!!!!!! anch’esso fuori uso, e mò, (ed adesso) penso, come cavolo faccio? Dopo alcune ore, complici le stelle ed il Rum , decido che passerò le mie ferie senza informatica e telefonia cellulare. La decisione nasce dalla lettura del post di fraN, già, proprio quello che parlava dell’utilizzo dei mezzi pubblici a valle dell’incidente d’auto. La locomozione sarà uguale alla comunicazione? Proverò per tre settimane, poi farò un bilancio. E’ arrivato il momento del bilancio (cellulare) :
Chiamate perse 263,
SMS non letti 147
Cosa mi sarò perso? Ho fatto un rapido sondaggio:
3 cene con amici, 2 uscite serali con amici comuni, 8 concerti, un amico che voleva salutarmi poiché passava da Pescara ecc. ecc. Non ho ancora “sondaggiato” l’inutilizzo della mail. E’ possibile che mi sia così legato a questi strumenti di comunicazione? Ho sbagliato qualcosa io oppure la tecnologia è parte di noi in modo predominante?
p.s. Il pc non è ancora attivo ma il telefono "stranamente" e rispuntato dal nulla!!!!

domenica 26 agosto 2007

Alieno Italiano

Oggi stavo guardando un vecchissimo film di fantascienza ovviamente in bianco e nero. Al di là della scarsità di effetti speciali, la storia era veramente interessante. Ma non sto scrivendo questo post per raccontare il film, bensì sul doppiaggio dell'epoca: La parola missile era sempre detta missìle , ovvero con un accento sbagliato almeno rispetto a come lo diciamo noi ora. Mi sorgono spontanee delle domande che Graziana può senz'altro rispondere:
1) La parola missile è corretta come la diciamo ora e quindi il doppiatore ha sbagliato, oppure nel tempo l'italiano parlato si è modificato?
2) Molti altri Paesi, come quelli dove si parla francese,portoghese, (spagnolo non ricordo) e quelle slave conservano l'uso di tutti gli accenti.Come mai noi usiamo solo alcune e abbiamo perso tutte le altre?

sabato 25 agosto 2007

Italia che ignora il rugby

Sono stato uno dei fortunati che ieri ha assistito alla partita di rugby Irlanda Italia, persa dai nostri per sfortuna e per una decisione arbitrale discutibile. Mi sono divertito, ovviamente, vedendo lo sport. Oggi, ho fatto una carrellata sulla "stampa" online (quella più rinomata) , e ovviamente non ne ho letto alcun servizio. Ovvio. Quindi ho deciso che non li leggerò più nemmeno online, o almeno opterò per un altro quotidiano: La Stampa.
Qui di seguito l'articolo.
L'8 settembre l'Italia giocherà a Marsiglia contro la Nuova Zelanda, e molto probabilmente non passerà quasi nulla nella nostra TV.
Forse in concomitanza con l'evento ci sarà qualche giocatore di calcio che andrà al gabinetto non avvisando la stampa.

venerdì 24 agosto 2007

Inizia il campionato...di Rugby

Domani il circo del pallone inizia nuovamente a invadere l'Italia. Stasera tutti a vedere la partita... Irlanda Italia 20:45 su La7....ovviamente sto parlando di un appuntamento sportivo..quindi non di calcio..ma di rugby. Sarà un amichevole in vista dei campionati mondiali che si svolgeranno in Francia. Dai un calcio al calcio!

p.s.
Ovviamente siamo in Italia e non vedremo niente del campionato Mondiale. Ho appena scoperto che non sarà in chiaro. Costretti a seguire le stupidaggini calcistiche pagate a peso d'oro. Un calcio oltre al calcio, lo darei ad un altro, anzi ad altri...molti altri. Vergogna.

Meteo fine agosto, l'estate non molla

La scorsa settimana avevo scommesso con un amico che, nonostante l'arrivo di una fase di maltempo, sulla costa del medio adriatico difficilmente si avrebbero avute precipitazioni degne di nota. Però nei modelli a lungo termine si prospettava la probabilità di un nuovo peggioramento sul finire del mese con la probabilità di piogge anche in parte del centro sud.


E invece ora devo segnalare che, da domani almeno fino a mercoledi 29 agosto, il tempo sulla nostra penisola sarà dominato dall'anticlone delle azzorre che oltretutto riceverà un caldo contributo dall'alta africana.

Quindi ci sarà tempo stabile e caldo, soprattutto al centro sud, con punte che torneranno su valori elevati (36/38 gradi) e assenza di precipitazioni tranne qualche sporadico episodio sulla zona alpina.
Agosto dunque amici sbolggati terminerà i suoi giorni con un clima pienamente estivo da trascorrere placidamente al mare o sui monti

mercoledì 22 agosto 2007

Sciopero delle benzine

Tutti quanti ci lamentiamo del prezzo dei carburanti, in generale ci lamentiamo delle cose che vanno male, ma raramente riusciamo a cambiare qualcosa.
Basterebbe fare uno sciopero dei consumatori di benzina. Uno sciopero di una settimana. In una settimana prendiamo i mezzi pubblici e le bici. Ci saranno problemi certo, ritardi al lavoro, autobus strapieni. Ma immaginate il mio sogno: fermate degli autobus strapieni, tutti solidali fra loro, tutti convinti (giustamente) di fare qualcosa per l'altro. Centro delle città abitate da autobus e bici, si ricostruisce il senso civico, magari alla fine di questa settimana ci saranno stati molti disagi, molti sacrifici. Ma niente si ottiene senza sacrifici. Dopo questa settimana di non uso delle benzine, gli "altri" vedranno che gli conviene iniziare a fare le cose come si deve. Invece cosa facciamo noi? Tante chiacchiere , ci lamentiamo sempre e poi quando magari fanno sciopero i benzinai , il giorno prima della serrata ci rechiamo a fare il pieno con quale risultato? Abbiamo messo più benzina vanificando lo sciopero dei benzinai (che sono come noi)! Questo è solo un esempio, cambiando i "materiali" questo discorso si potrebbe fare su tutto ciò che in questo Paese non va.
Spero che nel V-Day dell'8 Settembre nasca finalmente in noi qualcosa di diverso, che elimina una volta per sempre la nostra rassegnazione.

Docenti decenti


Non pensate che le ferie mi facciano l'effetto contrario di farmi tornare polemico e provocatore anziché rilassato: il fatto è che quando sono in vacanza ho maggiori possibilità di seguire ciò che avviene (e che magari non mi riguarda direttamente) e di rifletterci su.
Premetto inoltre (soprattutto per Graziana) che non ho nulla contro gli insegnanti; anzi: sono convinto che svolgono uno dei lavori, o meglio: missioni, più importanti nella nostra società.
Proprio per questo motivo, quindi, mi preoccupa l'attuale situazione dell'insegnamento.
Anche perché come al solito nel nostro (Bel?) Paese si scambiano le cause con gli effetti e perciò le decisioni che si prendono per correggere i difetti non fanno altro che peggiorarli.
Durante l'ultima campagna elettorale, per esempio, ho sentito diversi leader politici andare a caccia di voti affermando che bisognava aumentare gli stipendi degli insegnanti per ridar dignità ad una classe di lavoratori afflitta peraltro da un diffuso precariato.
Queste sparate propagandistiche mi hanno fatto sorridere (amaramente) e capire quanto questi nostri governanti sono distanti dalla vita della gente comune. Negli ultimi anni, infatti, in seguito all'istituzione delle SSIS (Scuole di Specializzazione per l'Insegnamento Secondario) c'è stata una notevole infornata di docenti di ruolo nelle scuole italiane: conosco molti trentenni che, stufi del volontariato, degli stage, del vero precariato e di inviare nel vuoto i loro curriculum, hanno smesso di inseguire la loro vocazione e il lavoro per il quale hanno studiato e che desideravano (da biologo, bibliotecario, progettista/ricercatore, addetto ai beni culturali, commercialista, avvocato, ...) e si sono "rassegnati" a diventare insegnanti. Se chiedete il motivo della loro scelta rispondono che non avrebbero mai voluto fare i docenti (e infatti sono insegnanti demotivati) ma non hanno trovato nient'altro che garantisca loro uno stipendio fisso ("nemmeno tanto basso") e la possibilità di "sistemarsi" e di non fare il "missionario" a vita.

Ma allora qual è il problema?
Di recente ho visto un servizio sulle tanto stimate scuole britanniche, sempre citate come esempio virtuoso nel mondo dell'istruzione (per non parlare di quelle scandinave, così lontane dal nostro mondo da essere addirittura incomprensibili...).
Riassumendo, si può dire che i livelli eccelsi raggiunti da questi istituti si spiegano con la meritocrazia che fa sì che vengano gratificate le strutture e le persone meritevoli e "punite" (economicamente) quelle che non raggiungono un livello sufficiente. In questo modo si ottengono scuole efficienti e personale molto ben retribuito.

Noi preferiamo massificare e buttare tutti nello stesso calderone ribollente di frustrazioni: sia i perfetti modelli di "impiegato statale" (nel senso peggiore del termine che tutti conosciamo), sia gli insegnanti che amano la loro professione e tentano ogni giorno tra mille difficoltà di trasferire la loro passione ai giovani allievi (ne ho avuti diversi di professori di questa pasta e non finirò mai di ringraziarli!).

martedì 21 agosto 2007

Ridere di noi stessi


Sabato 25 , possiamo ridere un pò anche con qualche volgarità. Dopotutto bisogna ridere anche di noi stessi....sopratutto. I dettagli alla fine del video.

Pozzi inquinati, a Pescara la Magistratura apre un fascicolo

Scrivo queste poche righe per ricordare che il magistrato Aldo Aceto, lo stesso che indaga sulla discarica di Bussi , ha aperto un fascicolo sui pozzi contaminati Sant'Angelo di Castiglione a Casauria.

Inoltre nel leggere il blog di Beppe Grillo ho visto con piacere che un nostro concittadino ha inviato una dettagliata lettera al noto blogger italiano sulla situazione acqua nella Val Pescara, che ogni giorno appare sempre più grave come potete leggere cliccando su :


Situazione ACQUA nella nostra regione
Sono anche "sorpreso" del fatto che l'amministrazione pescarese, tanto brava nel distribuire volantini per i grandi eventi (vedi Aurum), su questo grave disagio per la cittadinanza sappia dire solo balle, sostenendo che la portata di acqua si è ridotta soltanto del 10%.
Spero che su questa vicenda, almeno in parte, venga fuori il torbido dilangante nella nostra Regione.

Infine una nota sul Vaffanculo Day e le tre mozioni di Beppe Grillo, personalmente le condivido in pieno e spero che a Pescara saremo in tanti su Corso Umberto I° l' 8 di settembre a evidenziare lo scollamento abissale tra la gente e i politici che in buona parte qualcuno ci ha imposto.

Collezionismo in busta

Soldatini,pietre, coltellini, bamboline,automobiline, pistoline, conchiglie, sassi,merletti,orologi e tutte altre cose che riescano ad entrare in una busta formata A4 ( o A3) a settembre, come ogni anno, ci aspettano in edicola. Mi son sempre chiesto chi possa collezionare (ogni anno) queste cose. Mi son sempre chiesto il motivo di tanto interesse per queste cose. E' una moda italiana, oppure in ogni altro Paese c'è questa abitudine? Case editrici anche prestigiose, vendono queste cose e fanno pubblicità (costosa) in TV. Come mai, non riesco a capire. Eppure le edicole già si stanno riempiendo di queste buste. Collezionismo? Di questo tipo? Non so... ho forti dubbi, pur non essendo un collezionista immagino che una degli aspetti belli di questa passione sia la ricerca. E' una ricerca, ricercare la busta desiderata in edicola?

Arsura


L'immagine che vedete è la Rocca Calascio tanto amata dai frequentatori di questo blog (dopo soli 10 anni sono riuscito a tornarci!).
Venerdì scorso mentre scattavo questa foto ho pensato a voi amici del blog (con i quali mi scuso per la mia ennesima prolungata assenza). Ho pensato a quante volte abbiamo denunciato gli attentati alle bellezze naturalistiche che la nostra regione offre; ho constatato come sia facile perdere anche quelle.
Il paesaggio carbonizzato che circonda la splendida chiesetta è un pugno allo stomaco per chi, come me, ha da sempre ammirato il fascino selvaggio di quel luogo.

Vi lascio con una considerazione e un abbozzo di risposta ad uno dei tanti post che sto leggendo e che voglio recuperare commentandoli.
Sceso da Calascio, sono andato a Sulmona percorrendo la piana di Navelli e le svolte di Popoli: osservando agghiacciato tutti quei chilometri di paesaggio post-atomico mi sono detto che non può essere un caso un numero così elevato e diffuso di incendi nella regione, anche in un'annata così arida.
Così come non è un caso che lo scandalo delle acque inquinate abbia fatto scoppiare l'emergenza idrica proprio nel momento di maggior afflusso turistico creando una cassa di risonanza perfetta (altro che periodo in cui tutti sono sonnecchianti in ferie!) per il messaggio che si vuol far passare, ovvero che è meglio comprare l'acqua che bere quella del rubinetto. Forse sono troppo complottista, ma come fare a non pensare che possano esserci dietro i grandi interessi legati alla vendita di acqua in bottiglia? D'altronde ho scoperto che una legge regionale vieta il rimboschimento dopo gli incendi perché c'è speculazione anche lì, come l'antica leggenda dei carrozzieri che sfasciavano le macchine di notte per farsi pagare per sistemarle di giorno...

Fame di fama è tornato, salute compari!

lunedì 20 agosto 2007

Skype : La conferma giornalistica


E' proprio vero, non siamo più nel campo delle ipotesi: l'informazione in Italia è manipolata.
Molto probabilmente avrete saputo che Skype in questi ultimi giorni ha avuto problemi. Stranamente la TV italiana ne ha parlato, ma il motivo non è stato "puramente" giornalistico.
Su un telegiornale nazionale , ho visto il servizio e ovviamente ho alzato l'attenzione: all'inizio è stata pura informazione , corretta direi senza ombra di dubbio...ma sul finire c'è stata la seguente considerazione: "...ma abbiamo ancora il caro vecchio telefono che di questi problemi non è ha" accompagnata da sorridenti persone che usavano il loro vecchio telefono, in contrasto con le immagini di "disperazione" della vicenda Skype.
Questa non è informazione. Questa è violenta pubblicità. Questo è regresso.
Quando ci sono TG o dibattiti vari la gente dovrebbe seguire "alla lettera" lo slogan di una nota casa costruttrice di TV: "Bello anche da spento" Spegnetela!

domenica 19 agosto 2007

La paranza, barca dell'Adriatico

Se c'è una barca che può rappresentare la costa dell'Adriatico, dalla Romagna al Gargano , questa a mio parere è la paranza.

Questa barca ha segnato un epoca, la storia delle genti che popolavano un lungo tratto di costa quasi del tutto privo di porti naturali.
Infatti questa barca aveva un fondo piatto, ideale per consentire l'alaggio ed il varo dalle spiaggie adriatiche, ed era principalmente usata per la pesca a strascico (usata fino all'avvento dei motori intorno agli anni 30' del secolo scorso).
Questa barca ha contribuito non poco allo sviluppo delle città marinare, con genti che pescavano e si spostavano lungo una costa ancora selvaggia....

....Nell'ottocento, dalla marchigiana San Benedetto del Tronto, giunsero alcune paranze nella foce del fiume Pescara, attirate dalla possibilità di poter entrare e ormeggiare sulle sponde del fiume per sbarcare il pescato, senza dover ripetere la grande fatica dell' alaggio in spiaggia.
Molto probabilmente questa "comodità" spinse alcuni "Pioneri" a stabilirsi sulle sponde selvaggie del fiume e successivamente a portare con se anche le proprie famiglie.
Fu così che molto probabilmente nacque il primo nucleo del borgo marino a Castellammare Adriatico, sulla sponda nord del fiume Pescara e che nel tempo si sviluppò in una importante marineria dell'adriatico.....
Ricordo che, quando ero un ragazzino, vi erano ancora delle paranze che montavano motori marini, e una di questa la "Colomba Giordano" era proprio della mia famiglia.

Nel porto di Cesenatico vi è ancora ormeggiata una paranza proveniente proprio da Pescara, che di seguito riporto:

Paranza
Lunghezza: mt. 8,45
Larghezza: mt. 2,92
Nome: "Mirella" Costruita nel cantiere di Bruni Filippo a S. Vito Chietino nell'anno 1951
Ultimo proprietario: Mastromattei Eriberto
Ultima matricola: PC 0129 Pescara
Acquistata nel 1983 dall'Azienda di Soggiorno di Cesenatico, ancora fornita di pennoni. Il pennone di sopravia è molto lungo a ricordo delle vele latine che le barche delle Marche e dell'Abruzzo usavano ancora nei primi decenni del XX secolo. Al posto della vela latina le paranze adottarono la vela al terzo perché risultava più semplice nelle manovre per cambiare di bordo, più adatta agli scafi di questo tipo.
Questo esemplare fu sempre armato al terzo e come tutte le barche di questo tipo ebbe un albero solo. Le paranze si spingevano per la pesca nell'Adriatico e furono presenti nei porti fino al 1950. La loro prora a petto d'anatra è simile a quella del trabaccolo, ha gli occhi rilevati e sull'asta retroflessa porta una berretta rossa ornata ai lati da due stelle. Solo le proporzioni cambiano: maggior larghezza rispetto alla lunghezza, minore altezza sotto il ponte. Queste barche spesso venivano tirate in secca sulla costa bassa, e gli uomini che su di esse navigarono ricordano ancora la gran fatica di issare a bordo il profondo e pesante timone quando c'era mare mosso. Praticavano la pesca con le reti a strascico e prima della diffusione dei divergenti tiravano la rete in coppia, da cui il nome di paranza, cioè di barche che procedevano "a paro".

Previsioni meteo, prossima settimana italia divisa in due

La prossima settimana vedrà la nostra penisola spaccata in due zone climatiche ben differenti.
Infatti la ciclogenesi in fase di formazione sul mediterraneo centro occidentale e che difatti resterà quasi stazionaria in loco fino alla sua "morte", creerà le condizioni per un diffuso maltempo al nord gia dalla giornata di domani e che durerà per altri due tre giorni e, in parte minore, anche sulle centrali tirreniche.


Il sud e le centrali adriatiche dovrebbero restare ai margini del mal tempo a parte qualche sporadico episodio più probabile sulle aree interne.
Le temperature scenderanno di alcuni gradi al nord ed in parte anche al centro, mentre al sud continueranno a restare elevate con punte anche sopra la media del periodo.

Da segnalare il moto ondoso sul mar ligure ed il mare di corsica dove tra martedi e mercoledi il libeccio soffiera impetuoso con mareggiate lungo le coste esposte.

Poi dando un sguardo nel lungo termine, dopo una breve pausa di tempo stabile sul finire della settimana, si prevede una nuova fase di maltempo alla fine del mese che darà un'altro deciso colpo alla nostra estate.

sabato 18 agosto 2007

Campionato italiano assoluto di vela d'altura - Pescara 2007


Pescara sarà la seconda città adriatica a ospitare il “Campionato italiano assoluto di vela d’altura”, la manifestazione velica sportiva di maggior livello che si tiene ogni anno in Italia. Le regate si terranno nelle acque antistanti il porto turistico "Marina di Pescara" dal 26 agosto al 01 settembre 2007.

Per poter concorrere alla fase finale di questa importante manifestazione sportiva, gli equipaggi che concorreranno al Campionato italiano hanno dovuto prima qualificarsi alle manifestazioni di selezione nazionale predisposte dalla Fiv o partecipando al Campionato europeo.
Dunque amici sbloggati appuntamento presso il "Marina di Pescara" dove le imbarcazioni saranno ospitate e presso la sede del Club Nautico Pescara dove avverranno le premiazioni.

PROGRAMMA

Le regate si svolgeranno nelle acque antistanti la Città di Pescara con il seguente calendario:Domenica 26 Agosto Ore 09.00 - 19.00 Perfezionamento Iscrizioni e Controlli
Lunedì 27 Agosto Ore 09.00 - 18.00 Perfezionamento Iscrizioni e Controlli
Ore 18.00 Cerimonia di apertura
Ore 19.00 Briefing
Martedì 28 Agosto Ore 11.00 Segnale di Avviso 1^ prova
Mercoledì 29 Agosto Ore 11.00 Regate
Giovedì 30 Agosto Ore 11.00 Regate
Venerdì 31 Agosto Ore 11.00 Regate
Sabato 1 Settembre Ore 10.00 Regate
Ore 17.30 Premiazioni e Cerimonia di Chiusura

venerdì 17 agosto 2007

Quando si dice Internet ...

- Piacere, Lorenzo, saprebbe dirmi a che ora parte l’ autobus per Francavilla?

- Molto lieta, Marzia, anch’ io sono diretta a Francavilla al mare, al massimo tra 5/6 minuti dovremmo partire.

Seguono scambi di opinioni sulle stranezze del tempo, informazioni sulla propria occupazione , sugli interessi , sul tempo libero…Ecco finalmente la linea 1, stranamente semivuota per cui i neoamici trovano posto a sedere, uno a fianco all’ altro avendo così l’ opportunità di continuare il dialogo che ad un certo punto scivola su una questione:

- Senti Lorenzo, non parlarmi di luoghi virtuali, di e-learning, di multimedialità, di computer. Io detesto caldamente questa roba; posso vivere tranquillamente come se tutto ciò non fosse stato inventato. Già la vita relazionale è ridotta all’ osso con il ritmo frenetico della vitaccia che facciamo; questo ci mancava ... per isolarci ancora di più!

- Ohi ohi! Mi dispiace Marzia, ma qui non andiamo proprio d’ accordo. Dimmi pure se posso dirti le mie motivazioni, altrimenti cambiamo pure discorso…non c’ è problema … :-)

- Le ascolto per educazione le tue ragioni, ma non c’ è nulla da fare: sono troppo sicura delle mie cose. Io sto bene negli incontri in presenza; le persone devo guardarle negli occhi, devo “leggere” la postura del lcorpo, la gestualità delle mani, il tono di voce. Cosa resta di un rapporto interpersonale, di qualsivoglia natura, se prescindi da tutto questo?
E cosa c’ è di più bello dell’ approccio sensoriale con un libro, che puoi sfogliare, rileggere, sottolineare, sul quale puoi aggiungere glosse marginali; puoi leggerlo anche a letto e poggiarlo sul comodino quando ti si appanna lo sguardo: sicuramente tutto questo ti è negato dal computer!
Cosa c’ è di più voluttuoso della tua stilo che scorre, annota, mappa, sintetizza?
Al confronto che cos’ è quel foglio asettico e freddo di videoscrittura?

- Marzia, mi poni un sacco di quesiti, la risposta sarebbe lunghissima, ma, sai una cosa?
Il tuo parlare mi sta richiamando reminiscenze scolastiche … Hai un po’ di tempo?
Avrei un ancoraggio che fa per te.
Possiamo prendere un caffè presso uno stabilimento?
L’ argomento mi appassiona molto…ma non ti voglio convincere sai…
Ti voglio semplicemente dire come la penso io, nel pieno rispetto della tua opinione …

- Ok … d’ accordo…

- Dunque, negli anni gloriosi del liceo, il mio prof di filosofia si infischiava altamente del manuale, sommergendoci di fotocopie; diceva che quello, il manuale, esprimeva il punto di vista del suo autore. Noi, secondo lui, dovevamo farci le nostre idee, costruire i nostri punti di vista, leggendo direttamente il filosofo, e poi: dibattiti, conversazioni, ricercazione, ricerca-azione appunto … un grande, quell’ uomo …veramente…e dire che gli abbiamo dato del pazzo, del pirla ...

Quella volta toccò a Platone.

Si leggeva nel “Fedro” che quando Hermes inventò la scrittura, presentò il suo progetto al Faraone come un sistema straordinariamente efficace che avrebbe consentito agli uomini di rafforzare la loro memoria, per poter conservare inequivocabilmente nel tempo, tutto quello che fino ad ora erano stati costretti a tenere a mente.

Hermes si aspettava segni di entusiasmo e approvazione, ma il faraone si fece scuro in viso e disse semplicemente:

“ …la memoria è un gran dono che si dovrebbe conservare con l'esercizio continuo. Con la tua invenzione, la gente non sarà più obbligata ad allenare la memoria. Essi ricorderanno le cose non grazie ad uno sforzo interiore, ma ad una mera virtù di un mezzo esterno.”

In verità, mia cara, il faraone esprimeva una paura antica quanto il mondo: la paura del nuovo, quello che destruttura le certezze costituite, che prevede una revisione e una ristrutturazione, all' insegna dell’ incertezza.

E’ fuor di ogni ragionevole dubbio che la memoria non è stata narcotizzata dalla scrittura e tantomeno dalla stampa; sappiamo benissimo che comunque i libri non solo l’hanno allenata, ma addirittura, l’ hanno potenziata: almeno su questo sei d’ accordo, vero?

Marzia era inebetita, il velo di Maya si stava disvelando, iniziava la sua crisi cognitiva…

-Lorenzo … ma che vuoi dirmi, che io ho paura delle novità? Che mi vado ancorando alle certezze perché temo di mettermi in gioco?

- Tu lo dici … non io. Spesso lo facciamo senza rendercene conto; cerchiamo argomentazioni plausibili dietro le quali ci trinceriamo, ma così facendo, ci neghiamo delle opportunità, rinunciamo a priori ad esperienze nuove che potrebbero arricchirci, potenziarci nell’ intelligenza, nella relazionalità, nel lavoro, nell’ organizzazione.

Dài, Marzia, bevi quel caffè, anche in piena estate è buono caldo … Ti ho messa in crisi, mi dispiace, chi me lo avrebbe mai detto … stamattina ero uscito per ben altri motivi
Sia ben chiaro, non sono un santone e non ho certezze da rivelare.
Ho semplicemente eliminato dal mio stile cognitivo la contrapposizione antitetica; non penso più in termini di aut aut( o/o): esiste anche il vel (e/o), che non prevede esclusioni, ma rapporto dialettico.

E se io ci sono arrivato, lo devo proprio al prof di filosofia, e, il bello è che me ne rendo conto proprio ora, parlando con te; quindi anche tu mi sei stata di stimolo in questa metacognizione.

Ti risulta forse che l’ invenzione dell’ automobile ha eliminato la bicicletta? Non ti sembra che quest’ ultima ha continuato nel tempo il suo potenziamento tecnologico? E che l' una non esclude l' altra?

- Sì, ma ora che faccio?! Da dove inizio?! :-(

- Mannaggia ... domani riparto Marzia, sono un isolano, ma proprio in coerenza con quanto detto, considero l’ isola luogo di incontro piuttosto che luogo di separazione; ti lascio il mio indirizzo, quello civico per ora...
Se tu vorrai, ti condurrò per mano, perché grazie a quello che definisci “mondo virtuale”, posso farlo anche a distanza … Poi toccherà a te, perché, bada bene, condurre per mano significa, parlando per metafora, che ti offro mappe, bussole ed astrolabio, ma la protagonista del tuo percorso sarai tu ... intendi vero?! :-))


Chi fosse pervenuto fin qui, rinunciando eroicamente ad alcuni diritti del lettore, è informato che questo gioco di ruolo trae spunto dall' articolo di Umberto Eco Da Internet a Gutemberg.

giovedì 16 agosto 2007

La borsa e il cestino

Crisi delle borse mondiali, tutti ne parlano. In pratica i nostri soldi sono stati amministrati male. Ovviamente tutti ne parlano. Già prima di questo crollo ci hanno annunciato che a settembre (fine dell'estate , o quasi) tutto sarebbe aumentato.

Bene, benissimo... dobbiamo pagare di più le cose che noi stessi produciamo, e anche qualcosina di più per chi custodisce i nostri soldi. Noi chi? Noi che abbiamo il cestino, gente che cerca di produrre richezza con il proprio lavoro e non con quello degli altri. Del nostro cestino, sempre più misero, nessuno ne parla. Il nostro cestino non è quotato in borsa ma non ha mai danneggiato nessuno.
p.s.
Il Brasile (amato Paese) ha subito il 13,2%  di aumento del rischio paese (traduzione dal portoghese) ... più è alto il numero e meno si considera la possibilità che il Paese in questione possa saldare il debito. Il dollaro rispetto al real (moneta brasiliana) ha raggiunto il prezzo più alto dal 14 Marzo. Cosa significa ai miei occhi ciò? Semplice, se la borsa si svuota si prende dal cestino che pur essendo mezzo vuoto si stava riempiendo.

Il nostro sogno polinesiano

Alzi la mano chi non ha mai pensato di andare in Polinesia! Tutti noi abbiamo sognato le bianche spiagge, l'oceano, il silenzio e i suoi abitanti.
Sogniamo si. Scriverlo è molto difficile, mentre facile è stato conquistarli, decimandoli e sconvolgendo le loro tradizioni. I polinesiani non erano costruttori di meraviglie come gli aztechi o i maya (anch'essi distrutti) e quindi dei polinesiani sappiamo solo che danzano. Non hanno costruito piramidi, semplicemente perché non importava loro. Il loro universo era l'oceano, le loro stelle erano le isole, i loro angeli gli uccelli, la loro musica il vento. Nella foto l' Hokulea, ricostruita seguendo i criteri polinesiani, nel '76 parti dalle Hawai fino a Tahiti dove c'erano ad attenderla 15000 polinesiani: Il loro shuttle era tornato. Il nostro non ancora partito...perso per le spiagge di Rimini.

Previsioni meteo, le sorti di agosto appese ad un filo...



Amici sbloggati, questa settimana si concluderà con belle giornate classicamente agostane, ma dalla prossima settimana (occhio ale previsioni) si configurano interessanti scenari per un cambiamento significativo del tempo.
E' ormai certo l'affondo del flusso atlantico sulla penisola iberica, ma quel che è ancora incerto è la sua esatta collocazione.

Infatti, se l'affondo dovrebbe puntare sul portogallo o l'atlantico portoghese, avremmo su tutta la penisola l'arrivo di aria stabile e bollente africana, con le intuibili conseguenze.

Se invece, come sembra più probabile in base alle ultime carte dei modelli matematici di previsione, l'affondo dovesse puntare la costa catalana e le baleari, sulla nostra penisola si attiverebbero venti di libeccio carichi di umidità con diffuso maltempo al nord e centrali tirreniche,più stabile e caldo al sud e centrali adriatiche (garbino).
Inoltre, sempre dalle carte dei modelli, appare in seguito, sul finire del mese, una risalita dell'alta azzorriana verso le isole britanniche prima e l'europa centrale dopo, che esporrà il nord e le coste adriatiche a freschi venti settentrionali ed a moderata instabilità.

Insomma per concludere agosto potrebbe riservare una "coda" bollente (forse l'ultima del 2007), oppure inaugurare una fase di maltempo, che darebbe un primo significativo colpo alla estate mediterranea (cosa per la quale credo maggiormente).

Come sempre siamo qui, attenti osservatori, pronti ad aggiornarvi sulla situazione meteorologica nella nostra penisola.

martedì 14 agosto 2007

Meteo agosto, ultime sorprese


Le previsioni a lungo termine vanno sempre prese con le pinze e, ogni volta che ci si sbilancia si corrono seri rischi di beccare sonore cantonate.

Dico questo perchè, nell'ultimo post meteo a lungo termine, parlavo della tenuta dell'alta azzorriana sulla penisola iberica che avrebbe evitato possibili affondi del flusso atlantico su tale zona con la conseguente risposta africana sul mediterraneo centrale, per cui era garantita l'assenza del caldo afoso sulla nostra penisola.

Ora nelle ultime carte di previsione per l'ultima decade di agosto, pare che dovrebbe accadere proprio un affondo del flusso atlantico sulla penisola iberica che di conseguenza dovrebbe richiamare aria africana sul mediterraneo centrale, con l'avvio una nuova ondata di caldo torrido principalmente sul meridione della nostra penisola ed in parte anche sul centro.

Come sempre vedremo, il condizionale è più che d'obbligo, ma se cio dovesse verificarsi sarebbe una bella "cantonata" per tutti i modelli meteo che fino ad un paio di giorni fa prevedevano tutt'altro.

Pozzi contaminati, che triste spettacolo...


In questi giorni ho aspettato con pazienza l'evolversi di una notizia che mi è subito apparsa ben più seria di come veniva presentata, ossia della chiusura dei pozzi di Sant'Angelo nel territorio di Castiglione a Casauria.
Ora è confermata la notizia della chiusura definitiva dei Pozzi in questione.

- Qualcuno sa dirmi esattamente cosa conteneva l'acqua di quei pozzi e da quanti mesi, anni, o perfino decenni beviamo acqua contaminata?
- Quali problemi può creare sulla nostra salute l'ingerire per anni queste sostanze?
- Qualcuno può verificare quali zone esattamente riforniva quella sorgente e fare un'indagine seria su quali anomalie si sono riscontrate in questi ultimi anni sulle statistiche sanitarie di queste zone?
- Come mai se, a quanto pare, questo problema è vecchio di anni è uscito fuori allo scoperto proprio alla vigilia di ferragosto quando tutti siamo distratti e/o assenti per le ferie ferragostane?

Invito chi di dovere a rivedere un noto film su una storia realmente accaduta negli USA (Erin Brocovich con Julia Roberts), e a riflettere su cio che sta accadendo in questa triste vicenda nostrana.

E' perfino banale associare la scoperta della mega discarica di Bussi, con tonnellate di materiale altamente tossico molto probabilmente proveniente da una nota azienda chimica della zona, con la chiusura di questa sorgente immediatamente a valle della zona contaminata, ma temo che questa vicenda finirà in modo ben diverso da quel film.

Mi capita spesso di criticare gli USA per molti aspetti sociali e politici, ma riconosco che questa Nazione è un vero stato di diritto dove, se uno ha mezzi a disposizione, può battere in tempi accettabili anche colossi industriali....

....noi italiani siamo "diversi", purtoppo anche in questo, chiniamo facilmente la schiena ai più forti consci che da queste parti la musica è ben differente.

Ferragosto, ovvero, Feriae Augusti

Dopo la notte di San Lorenzo, ci avviciniamo al cuore della festa coincidente col periodo del riposo per eccellenza: il Ferragosto appunto.
Le origini sono antichissime e i significati molteplici per sovrapposizioni ed interposizione di sacro e profano, pagano e cristiano.


La festa, o meglio, i rituali del festeggiamento alla Madre di tutti gli uomini, risale al Neolitico, quando l' uomo adottò il modello di vita stanziale di allevatore-raccoglitore-agricoltore.
Dopo i raccolti, testimonianza della fecondità e generosità della terra, gli uomini e le donne del tempo, sentirono il bisogno di innalzare altari votivi su cui offrire i prodotti della terra alla Madre di tutte le messi e regina della fecondità: l' immensa regina del cielo, della terra e del sottosuolo.
Possiamo immaginare le forme rituali che accompagnavano l' offerta: fuochi, danze ...

Con la cristianità le offerte votive, i fuochi, i banchetti ed ogni tipo di ritualità furono dedicate alla Vergine Maria Assunta in cielo che in ogni regione assume la sua connotazione.
Nelle zone rurali, dopo le cerimonie liturgiche che prevedevano a volte anche la benedizione dei bambini (primizia per eccellenza) seguiva la consumazione comunitaria del cibo, per lo più il pane nelle sue varie forme, sull' erba, davanti al sagrato della chiesa.

Etimologicamente la parola significa "Le ferie di Augusto": una festa in cui si celebrava il raccolto dei cereali, spostata da settembre ad Agosto dall' imperatore Augusto: il mese che portava il suo nome. I rituali prevedevano banchetti ed ogni sorta di eccesso, cui potevano prendere parte anche schiavi e serve, soprattutto al suo culmine, il 15 di agosto appunto. Occasione unica che vedeva l' abolizione delle classi sociali.

Bene ... oggi ognuno festeggia come crede, religiosamente o in forme più goderecce, ma tutto- grigliate di carne o pesce, fuochi artificiali, falò, altra "erba", processioni- tutto affonda le radici e le motivazioni in un passato più o meno lontano.

lunedì 13 agosto 2007

Il quotidiano che non esiste

Agosto tempo di ferie e di relax. Che bello sarebbe svegliarsi con un caffè e un quotidiano decente.

Per il caffè siamo accontentati...ma per il quotidiano diciamo completamente di no.
I titoli in prima pagina, mostrano sempre gli scandali politici, qualche morto da qualche parte e altre cose purtroppo che sappiamo tutti.
Si apre il giornale e le prime 10 pagine sono sulla politica, poi si continua con le tragedie che accadono in Italia e poi quelle all'estero.
Il quotidiano attuale rovina la giornata...
Un innovativo giornale dovrebbe raccontare l'attualità..certo...però sulla politica dovrebbe dedicare non più di una pagina, tanto sappiamo tutti cosa aspettarci. La cronaca dovrebbe anch'essa essere limitata...chi è tanto macrabo da voler sapere quanti colpi ha preso un poveraccio, può leggere un altro "classico" giornale.
Il nuovo quotidiano dovrebbe essere incentrato sulle notizie belle, e ce ne sono. Dedicare pagine e pagine a Internet, al tempo libero e consigli su come vivere meglio. Guidare il lettore a gustarsi la vita. Pagine dedicate all'Europa, notizie dal più piccolo dei nostri Paesi a quelli più importanti. Pagine sui sport amatoriali e manifestazioni "minori". Che bello sarebbe leggere la mattina un'intervista all'inventore di twitter, alla breve guida su come scegliere uno zaino, alla nuova legge norvegese sulle tasse, alle nuove regole dei canili in Slovacchia, alla festa del tartufo ad Alba...e via dicendo. Che bello! 
Invece sono costretto a non comperare il giornale, e quando raramente lo compero la mattina quando vado a prendere il bus , alle 07:30 già è in un cestino (il giornale), e a volte quando cerco di regalarlo alcuni mi dicono no grazie.

sabato 11 agosto 2007

Meteo ferragosto, Ok per mare e monti.


Al mio rientro dopo una breve pausa lavorativa, una buona notizia meteo attesa da tutti: ferragosto con tempo buono; infatti dalla serata del lunedi 13 agosto il clima si ristabilizzerà almeno fino al 18 compreso con giornate soleggiate e temperature in moderato aumento. Un'unica incertezza resta per il settore alpino marginalmente interessato dal flusso atlantico.

Poi purtroppo intorno al 20 agosto dovrebbe iniziare una nuova fase di instabilità forse prolungata (il condizionale è d'obbligo) con caratteristiche che iniziano ad avere alcuni aspetti simili a quelli autunnali, soprattutto al nord e regioni adriatiche, attraversate ripetutamente da un moderato flusso perturbato.

Insomma agosto sta scivolando come previsto con un tempo "dinamico", in un'alternanza di periodi di tempo relativamente stabile con un altri periodi di tempo perturbato, ben lontano dalla lunga staticità torrida di luglio.

Buon ferragosto a tutti.

La Notte delle streghe di Castel del Monte


Se nel periodo ferragostano vi trovate in Abruzzo e senza idee su come spendere le giornate feriali, la notte del 17 agosto potete fare una "camminata" a Castel del Monte, sulle pendici aquilane del Gran Sasso.

Nella suggestiva atmosfera notturna del borgo antico, si può assistere a “LA NOTTE DELLE STREGHE” manifestazione legata alla cultura popolare che vede, dal 1996, nella notte del 17 di agosto il ripetersi in forma teatrale dell’antico rito legato alla superstizione e alle credenze popolari, " Ru rite de re sette sporte".... “Qui un tempo non lontano si credeva alle streghe, e ce ne sono che ci credono ancora.
Quando una creatura si ammalava e il medico non ci capiva nulla e non c’era medicina per guarirla, subito si sospettava che le streghe di notte se la succhiavano. E stupidamente si credeva che le streghe entravano nella casa dal buco della chiave o dal tetto. I parenti, gli amici e i vicini, tenevano subito consiglio, e si deliberava che bisognava fare il giro del paese di notte e passare sotto sette sporti.
Il giro si faceva verso la mezzanotte quando le vie erano deserte, e la comare del battesimo doveva portare in braccio la creatura seguita da altre donne tutte in silenzio e, se pure si incontrava qualcuno non si doveva fare una parola, con tutto questo credevano di allontanare le streghe e far guarire la creatura. Si faceva anche in altro modo, si vegliava la creatura per otto o dieci notti, nell’ultima notte anche ad ora tarda si prendevano panni della creatura, si andava fuori dal paese dove due strade si incrociavano, e li si mettevano i panni sopra un pezzo di legno, si battevano fortemente e poi si bruciavano. Qualche volta capitava che la creatura si guariva, e si rafforzava la credenza nelle streghe..”


In pratica la manifestazione consiste in una rappresentazione teatrale itinerante nel cuore del borgo medioevale in puro dialetto castellano sulle antiche credenze popolari profondamente radicate nell'abruzzo montano.

P.S.
Il costo del biglietto è di € 5,00 e per i bambini fino a 12 anni di età la visione è gratis

giovedì 9 agosto 2007

L'estate invernale

Nevicava ed era agosto. Era un estate anomala.
Il vento soffiava tanto dentro il corpo esausto.
Le palme erano coperte di neve e il vento non si placava, immobile seduto cercavi di capire cosa era successo. Ti meravigliavi nel vedere il sole spegnersi fra le nuvole, e il ghiaccio coprire le tue gambe nude. Osservavi il mare alzarsi fino al cielo, ti raccoglievi cercando di conservare un poco del calore rimasto nel tuo corpo.
Era estate, ma avevi freddo.
E ti accorsi, che avevi bisogno solo di coprirti e di accendere un fuoco. Lo hai capito e lo hai fatto.
Chi ascoltava la gente dire che c'erano 40° non c'è la fatta.

La regione verdastra d'Europa

Sono ormai parecchi giorni che manca l'acqua dalle nostre parti. Riscaldamento globale? Siccità? No...semplicemente inquinamento. Siamo stati avvisati? No. E' accaduto da poco? No. L'acqua è stata tolta avvisando la popolazione? No. Quindi la nostra verdastra regione, con l'unica cosa che veramente ha, la stupenda Natura, sta subendo attacchi da criminali incendiari, da fabbriche pestilenziali. E noi cosa facciamo? Andiamo al mare, andiamo in vacanza. Aspettiamo l'acqua tornare nei rubinetti come se ci fosse regalata, aspettiamo i boschi rifiorire come per magia, aspettiamo l'estate finire e l'inverno tornare. Abruzzo forte e gentile, forte nel sopportare.. ma fin troppo gentile.

mercoledì 8 agosto 2007

Slovacchia ultima parte

scrivo già l'ultima parte, poiché ho scritto veramente tanto, nella foto guardo Bratislava con la t-shirt FRASCiA! Più in là scriverò le restanti parti.
Treno per Vienna.
S
alutato la fantastica amica, entrato dentro la stazione dove c'era un doganiere austriaco (ma ero ancora in Bratislava) che mi controlla i documenti e mi dice: primo binario per Vienna (in italiano!). Treno semivuoto, treno austriaco, super tecnologico, solo la puzza resta tipicamente di treno.Dopo qualche Km inizia la pianura, e ci sono torrette con guardie di frontiera, sono contento che il prossimo anno saranno abolite, infatti la Slovacchia entrerà nel trattato. Dal primo paesino austriaco si vedono ancora all'orizzonte i mostruosi palazzi comunisti di Bratislava. Sarà cosa pensavano gli uni degli altri durante la guerra fredda. Non nascondo che partendo mi è uscita una lacrima, vicino a Neudorf penso già al prossimo viaggio. No, Francesco non si ferma qui.
Alla stazione di Vienna mi sembra già di essere tornato a casa. Bevuta una birra al grano, mangiato qualcosa, comprato il giornale tutti, diciamo il 70% mi rispondevano in italiano.
Nella sala d'aspetto c'ero io e una famiglia austriaca, quasi sincronizzati abbiamo lasciato la sala, una bambina nonostante i richiami della madre mi ha aspettato mantenendo la porta aperta! Sono restato sbigottito per la gentilezza genuina (commento scritto ora)
Il treno per l'Italia è strapieno, davanti a me c'è un tipico austriaco solo, zaino e marsupio...più in gamba di me. Il resto è una famiglia di 4 persone, la moglie mi guarda, il marito sta fuori, un bambino sta rilassato e quasi mi invade. La cosa strana è che non mi sembrano austriaci, fisicamente lo sono al 100%, ma la moglie sembra parlare con i ragazzi in slovacco o altra lingua slava. Il treno fa schifo, è quello italiano, classico, sporco, puzzolente e vecchio. Ho capito subito che era per l'Italia...sinceramente sono stato mezzora a pensare quale altro treno prendere per non tornare.

Slovacchia - Parte 6

Mercoledì
Ho attraversato tutta Bratislava a piedi per raggiungere la stazione per i biglietti del ritorno. Caldo pazzesco. Partirò venerdì da Vienna in serata, e arriverò a Venezia alle 3:30.Altra avventura. Ho appena mangiato, sto smaltendo le birre che mi hanno dato alla testa. Ho scoperto che l'ambasciata yankee ospita una mostra d'arte slovacca!!! Per entrare bisogna esibire il passaporto (segue parola che non riesco a capire, ero nervoso forse) Sono dieci anni che gli slovacchi vogliono spostare l'ambasciata americana dal centro, ma questi addirittura ospitano una mostra!!! Forse gli slovacchi non hanno ancora capito chi sono quelli. It's a shame. Dalla stazione ho preso il 32 convinto che mi portasse in centro che ben conosco ormai, beh...niente mia ha portato vicino alla zona comunista, per fortuna che ho scoperto il tram numero 4, che mi ha depositato a due passi dal ristorante. Domani potrei andare a Vienna, ma forse è meglio di no. Che stane donne qui! Bellissime e tristi. Sotto il sole sembrano sparire.

X Agosto - Notte di San Lorenzo

Ci avviciniamo alla notte di San Lorenzo, la notte delle stelle, appunto.
Semplicemente attesa con lo sguardo all' insù, aspettando speranzosi una stella cadente per esprimere un desiderio o festeggiata con i rituali tipici delle feste popolari: fuochi, spettacoli musicali, sagre ...

Oggettivamente, la nostra orbita incrocia le meteore delle Perseidi che noi chiamiamo stelle cadenti. La visione quest' anno sembra favorita dal novilunuio, soprattutto nelle notti del 12 e 13 , ma ... basta là ... preferisco affidare ulteriori considerazioni al nostro Esperto; io mi soffermo sugli aspetti della tradizione.
L'immaginario popolare considera le stelle cadenti, le lacrime effuse da San Lorenzo durante il martirio, ancora vaganti per l' Universo che eccezionalmente si posano sulla terra una volta l' anno, in occasione della ricorrenza del suo martirio per esaudire i nostri desideri.

Una delle feste popolari abruzzesi in onore di San Lorenzo è la sagra itinerante "Le notti di San Lorenzo" del 9, 10 e 11 Agosto che si svolge nel piccolo centro medievale di Pretoro (CH), giunta alla sua 12esima edizione.
E' un' occasione per gustare i piatti tipici, ammirare mostre di artigianato locale e fruire di eventi musicali e folkloristici, tra cui i musicisti celti, le danze popolari e quant' altro.
Chi vuole osservare la volta celeste può realizzarlo presso i centri di osservazione all' uopo allestiti presso il Castello e in zona Fontepalomba.
Questa la mappa dei percorsi e degli stand.

martedì 7 agosto 2007

Teoria della stupidità

Per pura associazione mentale e non per sminuire la profonda e dolorosa tematica del precedente post, non posso fare a meno di citare la Teoria della stupidità enucleata dall' economista nonché studioso di storia e filosofia Carlo Maria Cipolla:

Riporto le leggi della stupidità prelevate da Wikipedia:

1.Sempre e inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione.
2.La probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della persona stessa.

3.Una persona è stupida se causa un danno a un’altra persona o ad un gruppo di persone senza realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo un danno.

4.Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide; dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, e in qualunque circostanza, trattare o associarsi con individui stupidi costituisce infallibilmente un costoso errore.
5. La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista.

Meditiamo ...

lunedì 6 agosto 2007

Sole del 45

Estate tempo di feste. Nel '45 non fu cosi. Ovviamente non facciamo grandi proclami, ovviamente non ricordiamo.
Eh si, il Giappone perse la guerra, quindi lasciamo perdere e mettiamo la notizia in ultima pagina.
Hiroshima dimenticata e trascurata.
Nagasaki peggio ancora.
Nessuno parlò di crimini contro l'umanità.
Nessuno ne parla.
Il sole del 45, o meglio i soli del 45, hanno illuminato la stupidità dell'uomo per averli creati senza provare vergogna.
Io mi vergogno di loro....e di chi non prova vergogna.

giovedì 2 agosto 2007

Slovacchia - Parte 5


Martedì
S
eduto all'ombra, ascolto i pochi suoni di una capitale che sembra ancora dormire, eppure sono già le 12. Credo che il caldo pazzesco abbia tramortito la popolazione.Una delle tante chiese suona le campane del mezzogiorno.
A pensare che durante l'occupazione comunista c'era silenzio e dove ora sto seduto, non sarei stato circondato da bar e da negozietti, ma da qualche guardia. Il confine austriaco dista pochi km e mi hanno detto che l'antico centro storico al di là del Danubio è stato distrutto, per far posto ad enormi palazzoni e caserme.Spero che andrò a vedere. Sto vicino all'ambasciata americana, prima di pranzo andrò a cercarla, mi hanno detto che è circondata dalla polizia. Anzi , vado subito.
Ho mangiato, ora mi trovo a stuzzicare i poliziotti che sorvegliano l'ambasciata americana, l'unica blindata, mancano i carri armati, di nascosto ho fotografato. Ora aspetto le 15, oggi o domani vado a trovare gli amici dell'ambasciata italiana, sono lontano...da qui sono quasi 2 km.
Il caldo straziante mi ha relegato in una panchina che piano piano sta per essere invasa dal sole. Dietro di me i poliziotti continuano a sorvegliare il palazzone americano, vorrei tanto domandare il perchè. Mi sembra che ci sia qualcosa dentro, forse una mostra di hamburger, mi sa che cerco di entrare. Cercherò di fare foto delle ambasciate, quelle del mondo libero che non hanno niente da preoccuparsi.Parto....sono le 14:30 e mi son scocciato di aspettare. Per strada ormai non c'è più nessuno.

Slovacchia - Parte 4

Laila
S
iamo andati al canile per prendere un cane per farlo uscire per un pò per i boschi, scopriremo che il povero cane non usciva da tanto tempo. E' un pastore tedesco di nome Laila. Sto scrivendo ancora nel parco vicino casa, invece dei bambini, corrono decine di podisti, ed è appena passato un signore che va a pescare. Il sole è tramontato finalmente, oggi per me c'erano 100 gradi.
Ritornando al cane, si è visto che aveva sete. Dopo un km abbiamo trovato un bar, e abbiamo deciso di portarlo nel parco dove sto scrivendo. La cosa strana è che il canile rispetto al parco è abbastanza vicino, ma passa l'autostrada in mezzo. Quindi abbiamo cercato di salire su un bus: niente da fare non voleva salire. Abbiamo costeggiato l'autostrada ma sul più bello si è impuntato e siamo dovuti tornare indietro. Abbiamo dovuto scollinare fra un caldo africano e siamo riusciti a portarlo qui dove si è fatto un bagno nel ruscello. Era già tardi, dovevamo riportarlo. Laila mi ricorda me stesso alcune volte. Non vorrei che questa uscita fosse la sua ultima.

Poste Italiane....sempre più banca, sempre meno servizio postale


Sono circa 10 giorni che nel condominio dove risiedo non viene recapitata posta. Nei primi due giorni i condomini ci scherzavano sopra (meglio così), ma ora sono tutti increduli ed arrabbiati.
Personalmente la cosa non mi ha sorpreso più di tanto poichè al lavoro avevo già da tempo notato che il servizio postale balbettava ( e questo servizio a singhiozzo va avanti da parecchi mesi), ma in questi ultimi giorni, con l'avvicinarsi delle ferie estive, il disservizio è talmente palese che non so spiegarmi come ancora nessuno muovi un dito per porre un limite a certe indecenze.
Tra i miei amici che saltuariamente frequento vi sono due postini e loro mi hanno detto che i problemi del servizio postale sono evidenti e facilmente risolvibili, ma allora perchè i disservizi continuano ad aumentare?

Non so perchè ma mi viene da pensare ad altre aziende ex pubbliche come la Telecom o l'Enel o alle società autostradali; chissà forse fra qualche mese qualcuno dirà che il servizio di spedizione e ritiro postale dovrà essere affidato a società private, ma anche in questa cosa mi viene da pensare a Tronchetti-Provera con Telecom, a Benetton con le autostrade, o anche a Cragnotti con la Iri-Cirio.

Forse sono io prevenuto, forse vi sono problemi ben piu seri e ai più sconosciuti, ma un servizio postale efficente dovrebbe essere una banalità per un paese che si proclama fra i primi otto del mondo (G-8); penso alle tante persone che hanno dei problemi e che il servizio postale è ancora un valido aiuto ai problemi delle loro esistenze.

Nel frattempo la cassetta postale è sempre vuota, la controllo quotidianamente poichè aspetto una comunicazione riservata, ma forse era meglio se andavo in sede a ritirarla.

Meteo agosto, ultime novità


Fino a qualche giorni fà si dava per certo, dopo una breve parentesi fresca, il ritorno del caldo, poichè l'alta africana era costantemente in agguato, pronta ad apportare il suo contributo torrido sullo scenario mediterraneo.
Ora si cominciano a notare delle piccole ma importanti novità che, se consolidate nel tempo, modificheranno le previsioni a lungo termine previste per agosto.

Ma veniamo con ordine:
- La situazione meteo sullo scenario europeo appare nel suo insieme decisamante piu dinamica rispetto alla staticità di luglio.
- L'alta africana sembra che resterà relegata sul suo continete d'origine, per cui l'alta azzorriana presente sul mediterraneo senza l'apporto africano ha una struttura meno solida (in quota) e quindi avrà dei cedimenti più consistenti.
- La sua presenza (alta delle Azzorre) sul mediterraneo occidentale è decisamente più stabile e questo eviterà futuri sconfinamenti del vortice atlantico su tale zona con conseguenti richiami africani sulla nostra penisola, come accaduto pù volte in questa estate.
- Il vortice polare del nord atlantico in questi ultimi giorni ha ripotenziato "il suo motore" per cui la sua spinta sul continente europeo sarà più incisiva e i suoi attacchi ai bordi dell'alta pressione azzoriana daranno risultati migliori.

Insomma, per semplificare il tutto, il risultato della somma di questi ingredienti, se confermati, daranno almeno fino al ferragosto la fine del caldo torrido, quindi ci saranno delle belle giornate con temperature gradevoli (sui 28/30 gradi), seguite da brevi periodi di instabilità soprattutto pomeridiana, questa volta anche al centrosud (specie il settore adriatico), dove torneranno brevi ma utilissime precipitazioni.

Come sempre vedremo e buone ferie a tutti.

mercoledì 1 agosto 2007

Il Palio delle botti

Parliamo ell' antico "ludo de le botti" che si è appena concluso a Corropoli, in provincia di Teramo.

Le origini:
A partire dal Cinquecento, il lunedì della Pentecoste, i corropolesi erano soliti offrire botti di vino all'abate e vescovo del territorio che dimorava nell' Abazia Celestiniana sita presso il Colle di Mejulano.
Si trattava di una molteplice processione solenne che vedeva i rappresentanti delle varie contrade sfilare agghindati con i costumi delle feste, intorno ai carri trainati da buoi alla volta dell' abazia per offrire ai monaci botti di vino, barili di olio ed ogni altra sorta di mercanzia.

Poi, il piazzale erboso dell' abazia diventava teatro di giochi popolari dove le contrade si sfidavano; tra i partecipanti si annoverano anche i feudatari dell' epoca: ricordiamo tra i tanti, la duchessa Isabella Piccolmini D' Aragona e il duca Andrea Matteo III.

La rievocazione della Pentecoste celestiniana con i vari giochi fu interrotta nel 1800, molto probabilmente in seguito alla soppressione dell' Ordine Monastico Celestiniano scaturita dalle leggi napoleoniche.

La festa oggi
I corropolesi si sono riappropriati di questa antica tradizione, raccogliendo tutta la documentazione possibile, quindi hanno ripristinato Il Palio delle botti nel 1983, nei modi e nelle forme che ogni anno si possono ammirare.
I rituali del festeggiamento si sono svolti quest' anno dal 22 al 29 luglio; il ludo essenzialmente consiste in una sfida tra contradaioli che devono far rotolare a gruppi di 4 rappresentanti di ogni contrada, una botte di 70 kg, precedentemente marchiata, per un doppio percorso segnato nel centro storico.
Si aggiudica il palio chi arriva al traguardo nel minor tempo.
La manifestazione, dopo 10 anni dal ripristino, è stata ripresa dalle telecamere di SerenoVariabile, ha fatto parte della diretta televisiva per Telethon ed è stata commentata dai microfoni di Unomattina.
Infine, il piccolo centro di Corropoli si è fatto conoscere a livello nazionale, facendo partecipare i propri atleti vincitori a manifestazioni omonime che si svolgono in altre città: Buttrio (UD), Suvereto (LI).